Questo progetto parte dall’approccio IMTA per giungere alla realizzazione di un sistema acquaponico multitrofico (SIMTAP), innovativo, autosufficiente, integrato, per la produzione di pesci e piante alofite, a basso impatto ambientale, a piccola scala adattata alle specifiche condizioni socio-economiche e climatiche dell’area mediterranea.
L’obiettivo complessivo del progetto è quello di definire, progettare, impostare e testare un innovativo sistema di produzione degli alimenti volto a ridurre drasticamente da un lato la necessità di input per l’alimentazione dei pesci (es. farine di pesce, olio di pesce, soia, ecc.) e il consumo di risorse (acqua, fertilizzanti, energia) e dall’altro lato la produzione di rifiuti e inquinamento, riducendo l’impatto sull’ambiente del ciclo di vita (LC impact) di questo segmento dell’industria alimentare. Inoltre, SIMTAP può essere accoppiato con il riutilizzo dell’acqua salina proveniente da un sistema di coltivazione fuori-suolo a ciclo aperto, con effetto a cascata che agisce sia come depurazione biologica della soluzione esausta (run-off) proveniente dagli attuali sistemi di coltivazione in serra, sia come riciclo dei nutrienti ancora presenti nella stessa soluzione esausta, quindi aiutando il ciclo SIMTAP. Il sistema SIMTAP potrà inoltre utilizzare acque saline di falda che non sarebbero adatte per l'irrigazione nei sistemi di coltivazione convenzionali. Il risultato quindi è l'uso di acque di qualità molto bassa.
Il progetto utilizza le conoscenze disponibili nella letteratura tecnica e scientifica nel campo dell’idroponica, acquaponica e acquacoltura.